sabato 27 agosto 2016

astonish the world


I will intervene in ways which will astonish the world

My dearly beloved daughter, I know My Own and they know Me. They also know those who are of Me, just as they know those who do not come from Me. Those who are of Me are tender of heart, full of love for all sinners including My enemies, and full of humility for they know they are nothing without Me. Their souls are free of malice, spite, hatred and they suffer because of this. They shine like beacons, their souls full of the Light of God. It is this Light, which Satan and every fallen angel target with every kind of temptation. These are the souls who are most sought out by the evil one and in the times, which lie ahead, they will be swayed by lies.  Some will fall away from the Truth completely. Others will cling to it but will struggle to do so, while those who have the Grace of the Divine Will of God in their hearts, will never forsake the Truth. The world will turn into a great battlefield, where confusion will reign, and it is the souls who are of Me, who will face the greatest trials. It is Satan’s desire to take away from Me, those who know Me. These are the souls who are the closest to My Heart, for they represent the greatest prize. It will be such souls who will, should they fall into error, be paraded before Me by My greatest enemy. I will be mocked because of their betrayal and I will cry bitter tears of remorse for these poor children of God. But know this. I will fight for these souls. I will intervene in ways, which will astonish the world so that I can snatch them from the claws of deceit and they will know when I do this. On that day I will ask them again “Are you of Me or not?”. Then they will know it is I, and I will reclaim them and take them into My New Kingdom. Those who remain strong, because of their unshakable faith in My Holy Word, will lead those who are of Me. It will be because of these souls – My Remnant – that My Mercy will extend far and beyond that which is visible to the eye. I now call out to those who know Me. I desire that you live every day as if there is no tomorrow. Trust in Me. Ask Me for protection and call on Me for special favours in your journey towards My New Era of Peace. I will come to your aid every time and shower upon you, extraordinary Graces. Then you will fear nothing for you will know that I walk with you. I will hold your hand as I guide you towards the Refuge of My Peace and My Great Glory. Come to Me and do not fear for My Great Day will dawn unexpectedly and suddenly, and not one more tear will you shed for you will be united with the Divine Will of God for eternity. Accept My Love, My Blessings and My Great Mercy for when you do you can truly claim to be of Me. Your Jesus
Share This Post

Mother of Salvation: On the last day when the dawn breaks, a loud sound of the trumpet will be heard all over the world

My children, let me embrace you as you continue to endure the insults you witness against My Son.
When you listen to these Holy Messages and learn to understand them, then many of you will forge ahead, with great courage, to warn the world of the times ahead, in order that God can prepare His children for the New Paradise.
What you must understand is that you will be hated for your Work for my Son. You will not be accepted by many and you will endure pain and humiliation as a result. For every step you take, you will face an obstacle because you walk in the Footsteps of my Son.
None of you will find this easy, until you accept, with a calm resignation, that this is to be expected. Even those who follow my Son, but who will not accept these Messages, will fight you and persecute you, in His Name. They do not see that by behaving with such hatred that they insult my Son.
You must accept that when my Son makes Himself known, that His Words will be attacked and bring about great division. When you understand why you are facing such attacks and why you are being punished for speaking to the world on His behalf, you will then find this Work easier. 
This persecution will continue, sadly, until the Day of His Second Coming. Please, for His Sake, accept these trials out of love for Him and you will give great glory to God because of this suffering. Not any part of this suffering is wasted, because when accepted with love for Jesus, it defeats the evil one, as it weakens his plan to destroy humanity.
Forgive those poor souls who fight this Mission. Ignore the cruelty you have to endure in my Son’s Name. Accept that when they hate you, because of your love for my Son, that you are very much favoured by God.
Forgive those sacred servants, who prevent you from speaking of the Book of Truth. They do not understand the magnitude of God’s Plan to prepare mankind for the New Beginning, for they, themselves, are not prepared. Many of them only do what they do because of their love for my Son. They mean no harm. They simply do not see, because they cannot see.
Pray, pray, pray that I, your Mother, will be given the Power to help you to endure this journey, without giving up, until the last day is close. On that Day, when the dawn breaks, a loud sound of the trumpet will be heard all over the world. It will sound just as you would expect it to sound and it will be followed by the singing of the choir of angels. This will be heard in every single country, city, town, village – everywhere. Then, you, my child, as the seventh angel, will declare that my Son has come. The skies will turn gold and soon after, a Miracle will be seen by every man, woman and child – by every sinner. My Son will make Himself known on the clouds just as He went. Then down will come, from the Heavens, the New Jerusalem – the New Beginning, for all those who accepted the Mercy of God.
Your beloved Mother
Mother of Salvation
Share This Post

giovedì 25 agosto 2016

«Ebbene. Il colpevole, il posseduto è uno che è assorbito dall'ingannevole suolo coperto di fiori alla superficie e che sotto è mobile fango. Credi tu che, se uno sapesse cosa è mettere anche un atomo di sé in possesso di Satana, lo farebbe? Ma non sa... e dopo... O lo paralizza lo stupore e il veleno del Male, o lo fa
impazzire e, per sfuggire al rimorso di essersi perduto, colui si dibatte, si appiglia ad altro fango, suscita pesanti onde col suo moto inconsulto, e queste sempre più affrettano il suo perire.
L'amore è il canapo, il filo, il ramo di cui tu parli. Insistere, insistere... finché è afferrato... Una parola... un perdono... un perdono più grande della colpa... tanto per fermare la discesa e attendere il soccorso di Dio...
Lazzaro, sai che potere ha il perdono? Porta Dio in aiuto del soccorritore...
In  tutte le azioni dell'uomo vi è possibilità di bene o di male. A seconda che si compiono. Amare non è peccato se si ama santamente. Lavorare non è peccato se si lavora quando è giusto. Guadagnare non è peccato se ci si accontenta dell'onesto. Istruirsi non è peccato se, per l'istruzione, non si uccide l'idea di Dio
in noi. Mentre è peccato anche servire l'altare, se lo si fa per utile proprio.
Tutto può darmi il mondo di male, ma tutto al mondo perdonerò perché per venire al mondo e redimerlo ho avuto Lei, l'umile e grande Regina del mondo, che il mondo ignora, ma per la quale ha avuto il Bene ed ancor più  avrà nei secoli.

«Ma non sei il Salvatore?». «Lo sono. Ma il mondo non vuole essere salvato. Solo nella misura da uno a mille mi vorrà conoscere, e nella misura da uno a diecimila mi seguirà realmente. E dico ancora molto. Non sarò conosciuto neppure dai miei più intimi». «Ma, se ti sono intimi, ti conosceranno». «Sì, Giuda. Mi conosceranno come Gesù, l'israelita Gesù. Ma non mi conosceranno come Quello che sono. In verità vi dico che non sarò conosciuto da tutti i miei intimi. Conoscere vuol dire amare con fedeltà e virtù... e vi sarà chi non mi conoscerà». Gesù ha la sua mossa di rassegnato sconforto, che sempre ha quando annuncia il futuro tradimento: apre le mani e le tiene così, volte all'infuori, col volto accorato che non guarda né gli uomini né il cielo, ma solo il suo futuro destino di Tradito. «Non lo dire, Maestro», supplica Giovanni. «Noi ti seguiamo per sempre più conoscerti», dice Simone e a lui fanno coro i pastori. «Come una sposa ti seguiamo e ci sei più caro di essa; più gelosi di Te che di una donna noi siamo. Oh! no. Noi ti conosciamo già tanto che non possiamo più misconoscerti. Lui (e Giuda indica Isacco) dice che rinnegare il tuo ricordo di Neonato sarebbe stato per lui più atroce di perdere la vita. E non eri che un neonato. Noi ti abbiamo Uomo e Maestro. Noi ti udiamo e vediamo le tue opere. Il tuo contatto, il tuo alito, il tuo bacio sono la nostra continua consacrazione e la nostra continua purificazione. Solo un satana potrebbe rinnegarti dopo esser stato tuo intimo!». «Vero, Giuda. Ma vi sarà». «Guai a lui! Sarò il suo giustiziere», esclama Giovanni di Zebedeo. «No. Lascia al Padre la giustizia. Sii il suo redentore. Il redentore di quest'anima che tende a Satana. Ma salutiamo Isacco. La sera è venuta. Io ti benedico, servo fedele. Sai allora che Lazzaro di Betania è nostro amico e che vuole aiutare i miei amici. Io vado. Tu resti. Arami il terreno arido di Giuda. Poi verrò. Tu sai, al bisogno, dove trovarmi. La mia pace a te», e Gesù benedice e bacia il suo discepolo.

«Il padrone una volta mi ha colpito col piede perché io insistevo che Tu eri. Ma quando egli era lontano, e con chi potevo fidarmi, oh! lo dicevo il prodigio di quella notte!». «E allora ora di' il prodigio del mio incontro. Vi ho trovati quasi tutti, e tutti fedeli. Non è questo un prodigio? Sol per avermi contemplato con fede e amore vi siete fatti giusti presso Dio e gli uomini».

«Dio è l'irraggiungibile Perfezione, Dio è la compiuta Bellezza, Dio è l'infinita Potenza, Dio è l'incomprensibile Essenza, Dio è l'insuperabile Bontà, Dio è l'indistruttibile Compassione, Dio è l'immisurabile Sapienza, Dio è l'Amore divenuto Dio. É l'Amore! É l'Amore! Tu dici che più conosci Dio nella sua perfezione e più ti pare di salire o immergerti in due profondità senza confine, di azzurro senz'ombre... Ma, quando tu capirai cosa è l'Amore divenuto Dio, non salirai, non ti immergerai più nell'azzurro, ma in un gorgo incandescente di fiamme, e sarai aspirato verso una beatitudine che ti sarà morte e vita. Dio lo avrai, con completo possesso, quando, per la tua volontà, sarai riuscito a comprenderlo e a meritarlo. Allora ti fisserai nella sua perfezione».

«Figlio mio! Che vuoi che faccia la tua povera Mamma più di Te?».
«Santificarli... La tua virtù santifica. Te li ho portati apposta. Mamma... un giorno ti dirò: "Vieni", perché allora sarà urgente santificare gli spiriti, perché Io trovi in loro volontà di redenzione. E Io solo non potrò... Il tuo silenzio sarà attivo come la mia parola. La tua purezza aiuterà la mia potenza. La tua presenza terrà indietro Satana... e tuo Figlio, Mamma, troverà forza nel saperti vicina.
Verrai, non è vero, mia dolce Madre?».

MY HEART GRIEVES AT WHAT I MUST DO

Tuesday, August 23, 2016

MY HEART GRIEVES AT WHAT I MUST DO



My Heart grieves at what I must do. I alone am Creator, yet man has meddled in things he knows not of. The consequences of tampering with what I alone have the authority and sovereignty to create will be dire for it will bring eternal death to all who have played God. 

I will use the very things that men have manipulated and genetically engineered to cause great destruction as all idols will be brought to ruin. Your weather patterns will continue to become more erratic and devastating, and because you have played the harlot and blatantly mocked Me, those who were bound (under the earth, the Nephilim) will now be used to meter out judgment upon you. All that was not created in My image will now be used as punishment against you as I reveal Myself to be Supreme. 

To My people who are of Me, I cannot emphasize enough the importance of knowing Me for who I am. I am My Word and the very essence and manifestation of this, My Word. So when you engrave these words on your hearts, you enthrone Me there. You must know Me intimately or you will be swept away by the great deception which is upon you. 

Darkness and evil and wickedness are being presented as light, and unless you have sought Me with all you have, you will not know the difference. The enemy comes in various ways, always disguised as light, but his is a superficial light that is temporary, for in him, there is found no truth or light. 

I AM the only way, the truth, and the life. Humble yourselves before Me and implore Me to teach you light from the darkness and truth from lies. A humble, repentant and contrite heart I will always receive. 

You are on the threshold of a new day, but first I will purify. Be counted amongst those who choose love and truth and life and I will carry you through the tempests. You must choose now, for all that is written commences. 

YAHUSHUA

Recreating DNA article today:


http://www.popularmechanics.com/science/health/interviews/a22430/different-dna-language/

Weather manipulation:

http://www.geoengineeringwatch.org/global-weather-modification-assault-causing-climate-chaos-and-environmental-catastrophe-2/



Isaiah 45:7King James Version (KJV)


I form the light, and create darkness: I make peace, and create evil: I the Lord do all these things.

Genesis 6:4

There were giants in the earth in those days; and also after that, when the sons of God came in unto the daughters of men, and they bare children to them, the same became mighty men which were of old, men of renown.

Hebrews 10:16

16 This is the covenant that I will make with them after those days, saith the Lord, I will put my laws into their hearts, and in their minds will I write them;

Isaiah 5:20

20 Woe unto them that call evil good, and good evil; that put darkness for light, and light for darkness; that put bitter for sweet, and sweet for bitter!

Isaiah 14:12-15

12 How art thou fallen from heaven, O Lucifer, son of the morning! how art thou cut down to the ground, which didst weaken the nations!
13 For thou hast said in thine heart, I will ascend into heaven, I will exalt my throne above the stars of God: I will sit also upon the mount of the congregation, in the sides of the north:
14 I will ascend above the heights of the clouds; I will be like the most High.
15 Yet thou shalt be brought down to hell, to the sides of the pit.

John 14:6

Jesus saith unto him, I am the way, the truth, and the life: no man cometh unto the Father, but by me.

Psalm 34:18

18 The Lord is nigh unto them that are of a broken heart; and saveth such as be of a contrite spirit.

Isaiah 43:2

When thou passest through the waters, I will be with thee; and through the rivers, they shall not overflow thee: when thou walkest through the fire, thou shalt not be burned; neither shall the flame kindle upon thee.







http://iamcallingyounow.blogspot.it/

sabato 20 agosto 2016

16 Giugno 2016 - ROMA


Nel tardo pomeriggio di giovedì 16 giugno 2016, Francesco, il capo della Chiesa Cattolica Romana, ha aperto il Convegno della Diocesi di Roma, nella Basilica di San Giovanni in Laterano. Il tema al centro della riflessione era «La letizia dell’amore». E durante il suo discorso ha affermato che Gesù «non era un pulito» (min. 29:53-54); e nel rispondere ad una domanda, parlando dell’episodio della donna colta in flagrante adulterio (Giovanni 8:3-11), ha detto che Gesù «fa un po’ lo scemo» (1:04:37-40), e che Gesù «ha mancato la morale» (1:05:40-42). Il sito del Vaticano ha eliminato la parolaccia ma qui potete vedere il video originale:




La "nuova" Chiesa e i vestiti "nuovi" dell'imperatore Bergoglio

C'era una volta un imperatore che amava così tanto la moda da spendere tutto il suo denaro soltanto per vestirsi con eleganza. Non aveva nessuna cura per i suoi soldati, né per il teatro o le passeggiate nei boschi, a meno che non si trattasse di sfoggiare i suoi vestiti nuovi: possedeva un vestito per ogni ora del giorno, e mentre di solito di un re si dice: "È nella sala del Consiglio", di lui si diceva soltanto: "È nel vestibolo".
Nella grande città che era la capitale del suo regno, c'era sempre da divertirsi: ogni giorno arrivavano forestieri, e una volta vennero anche due truffatori: essi dicevano di essere due tessitori e di saper tessere la stoffa più incredibile mai vista. Non solo i disegni e i colori erano meravigliosi, ma gli abiti prodotti con quella stoffa avevano un curioso potere: essi diventavano invisibili agli occhi degli uomini che NON ERANO ALL'ALTEZZA DELLA LORO CARICA, o che ERANO semplicemente MOLTO STUPIDI .

"Quelli sì che sarebbero degli abiti meravigliosi!", pensò l'imperatore: con quelli indosso, io potrei riconoscere gli incapaci che lavorano nel mio impero, e saprei distinguere gli stupidi dagli intelligenti! Devo avere subito quella stoffa!".
E pagò i due truffatori, affinché essi si mettessero al lavoro.
Quei due montarono due telai, finsero di cominciare il loro lavoro, ma non avevano nessuna stoffa da tessere. Chiesero senza tanti complimenti la seta più bella e l'oro più brillante, se li misero in borsa, e continuarono a così, coi telai vuoti, fino a tarda notte.
"Mi piacerebbe sapere a che punto stanno con la stoffa!", pensava intanto l'imperatore; ma a dire il vero si sentiva un po' nervoso al pensiero che una persona stupida, o incompetente, non avrebbe potuto vedere l'abito. Non che lui temesse per sé, figurarsi: tuttavia volle prima mandare qualcun altro a vedere come procedevano i lavori.
Nel frattempo tutti gli abitanti della città avevano saputo delle incredibili virtù di quella stoffa, e non vedevano l'ora di vedere quanto stupido o incompetente fosse il proprio vicino.
"Manderò dai tessitori il mio vecchio e fidato ministro", decise l'imperatore, "nessuno meglio di lui potrà vedere che aspetto ha quella stoffa, perché è intelligente e nessuno più di lui è all'altezza del proprio compito".
Così quel vecchio e fidato ministro si recò nella stanza dove i due tessitori stavano tessendo sui telai vuoti. "Santo cielo!", pensò, spalancando gli occhi, "Non vedo assolutamente niente!"
Ma non lo disse a voce alta.
I due tessitori gli chiesero di avvicinarsi, e gli domandarono se il disegno e i colori erano di suo gradimento, sempre indicando il telaio vuoto: il povero ministro continuava a fare tanto d'occhi, ma senza riuscire a vedere niente, anche perché non c'era proprio niente.
"Povero me", pensava intanto, "ma allora sono uno stupido? Non l'avrei mai detto! Ma è meglio che nessun altro lo sappia! O magari non sono degno della mia carica di ministro? No, in tutti casi non posso far sapere che non riesco a vedere la stoffa!"
"E allora, cosa ne dice", chiese uno dei tessitori.
"Belli, bellissimi!", disse il vecchio ministro, guardando da dietro gli occhiali. "Che disegni! Che colori! Mi piacciono moltissimo, e lo dirò all'imperatore."
"Ah, bene, ne siamo felici", risposero quei due, e quindi si misero a discutere sulla quantità dei colori e a spiegare le particolarità del disegno. Il vecchio ministro ascoltò tutto molto attentamente, per poterlo ripetere fedelmente quando sarebbe tornato dall'imperatore; e così fece.
Allora i due truffatori chiesero ancora soldi, e seta, e oro, che gli sarebbe servito per la tessitura. Ma poi infilarono tutto nella loro borsa, e nel telaio non ci misero neanche un filo. Eppure continuavano a tessere sul telaio vuoto.
Dopo un po' di tempo l'imperatore inviò un altro funzionario, assai valente, a vedere come procedevano i lavori. Ma anche a lui capitò lo stesso caso del vecchio ministro: si mise a guardare, a guardare, ma siccome oltre ai telai vuoti non c'era niente, non poteva vedere niente.
"Guardi la stoffa, non è magnifica?", dicevano i due truffatori, e intanto gli spiegavano il meraviglioso disegno che non esisteva affatto.
"Io non sono uno stupido!", pensava il valente funzionario. "Forse che non sono all'altezza della mia carica! Davvero strano! Meglio che nessuno se ne accorga!" E così iniziò anche lui a lodare il tessuto che non riusciva a vedere, e parlò di quanto gli piacessero quei colori, e quei disegni così graziosi. "Sì, è davvero la stoffa più bella del mondo", disse poi all'imperatore.
Tutti i sudditi non facevano che discutere di quel magnifico tessuto. 

Infine anche l'imperatore volle andare a vederlo, mentre esso era ancora sul telaio. Si fece accompagnare dalla sua scorta d'onore, nella quale c'erano anche i due ministri che erano già venuti, e si recò dai due astuti imbroglioni, che continuavano a tessere e a tessere... un filo che non c'era.
"Non è forse 'magnifique'?", dicevano in coro i due funzionari; "Che disegni, Sua Maestà! Che colori!", e intanto indicavano il telaio vuoto, perché erano sicuri che gli altri ci vedessero sopra la stoffa.
"Ma cosa sta succedendo?", pensò l'imperatore, "non vedo proprio nulla! Terribile! Che io sia stupido? O magari non sono degno di fare l'imperatore? Questo è il peggio che mi potesse capitare!"
"Ma è bellissimo", intanto diceva. "Avete tutta la mia ammirazione!", e annuiva soddisfatto, mentre fissava il telaio vuoto: mica poteva dire che non vedeva niente! Tutti quelli che lo accompagnavano guardavano, guardavano, ma per quanto potessero guardare, la sostanza non cambiava: eppure anch'essi ripeterono le parole dell'imperatore: "Bellissimo!", e gli suggerirono di farsi fare un abito nuovo con quella stoffa, per l'imminente parata di corte.
"'Magnifique'!, 'Excellent'!", non facevano che ripetere, ed erano tutti molto felici di dire cose del genere.
L'imperatore consegnò ai due imbroglioni la Croce di Cavaliere da tenere appesa al petto, e li nominò Grandi Tessitori.
Per tutta la notte prima della parata di corte, quei due rimasero alzati con più di sedici candele accese, di modo che tutti potessero vedere quanto era difficile confezionare i nuovi abiti dell'imperatore. Quindi fecero finta di staccare la stoffa dal telaio, e poi con due forbicioni tagliarono l'aria, cucirono con un ago senza filo, e dissero, finalmente: "Ecco i vestiti, sono pronti!"
Venne allora l'imperatore in persona, coi suoi più illustri cavalieri, e i due truffatori, tenendo il braccio alzato come per reggere qualcosa, gli dissero: "Ecco qui i pantaloni, ecco la giacchetta, ecco la mantellina..." eccetera. "Che stoffa! È leggera come una tela di ragno! Sembra quasi di non avere indosso nulla, ma è questo appunto il suo pregio!"
"Già", dissero tutti i cavalieri, anche se non vedevano niente, perché non c'era niente da vedere.
"E ora", dissero i due imbroglioni, se Sua Maestà Imperiale vorrà degnarsi di spogliarsi, noi lo aiuteremo a indossare questi abiti nuovi proprio qui di fronte allo specchio!"
L'imperatore si spogliò, e i due truffatori fingevano di porgergli, uno per uno, tutti i vestiti che, a detta loro, dovevano essere completati: quindi lo presero per la vita e fecero finta di legargli qualcosa dietro: era lo strascico. Ora l'imperatore si girava e rigirava allo specchio.
"Come sta bene! Questi vestiti lo fanno sembrare più bello!", tutti dicevano. "Che disegno! Che colori! Che vestito incredibile!"
"Stanno arrivando i portatori col baldacchino che starà sopra la testa del re durante il corteo!", disse il Gran Maestro del Cerimoniale.
"Sono pronto", disse l'imperatore. "Sto proprio bene, non è vero?" E ancora una volta si rigirò davanti allo specchio, facendo finta di osservare il suo vestito.
I ciambellani che erano incaricati di reggergli lo strascico finsero di raccoglierlo per terra, e poi si mossero tastando l'aria: mica potevano far capire che non vedevano niente.
Così l'imperatore marciò alla testa del corteo, sotto il grande baldacchino, e la gente per la strada e alle finestre non faceva che dire: "Dio mio, quanto sono belli gli abiti nuovi dell'imperatore! Gli stanno proprio bene!" 

Nessuno voleva confessare di non vedere niente, per paura di passare per uno stupido, o un incompetente. Tra i tanti abiti dell'imperatore, nessuno aveva riscosso tanto successo.

 
"Ma l'imperatore non ha nulla addosso!", disse a un certo punto un bambino. 

"Santo cielo", disse il padre, "Questa è la voce dell'innocenza!". Così tutti si misero a sussurrare quello che aveva detto il bambino.
"Non ha nulla indosso! C'è un bambino che dice che non ha nulla indosso!"
"Non ha proprio nulla indosso!", si misero tutti a urlare alla fine. E l'imperatore rabbrividì, perché sapeva che avevano ragione; ma intanto pensava: "Ormai devo condurre questa parata fino alla fine!", e così si drizzò ancora più fiero, mentre i ciambellani lo seguivano reggendo una coda che non c'era per niente.

JUST AS IF A MIRACLE HAS TAKEN PLACE, THE FALSE PROPHET WILL SEEM TO RISE FROM THE DEAD